Counseling

Lo scopo del Counseling è di offrire alla persona l'opportunità di esplorare, scoprire e rendere chiari i propri schemi di pensiero e di azione, per vivere in maniera più consapevole utilizzando meglio le proprie risorse.

La relazione d'aiuto non consiste nel proporre soluzioni ma, al contrario, nel facilitare il processo di decisione responsabile da parte del consultante tenendo sempre in considerazione l'autonomia del soggetto.

 Il presupposto fondamentale del Counseling è di rappresentare un sostegno riguardo ai problemi che l'esistenza pone e che si manifestano in particolari fasi della vita tra le quali l'adolescenza, la terza età e tutti i vissuti esistenziali segnati da momenti significativi e difficili (diventare genitori, separazioni, lutti, malattie, scelte difficili, perdita di senso della vita).

Il Counseling Filosofico si caratterizza quindi come una relazione d'aiuto che facilita la persona nel mettere a fuoco i valori e nel far emergere gli scopi che danno senso alla sua vita.

L'intervento, come già specificato, si rivolge a tutte le fasce di età con l'intenzione di ascoltare attivamente e affrontare i disagi personali e familiari, le crisi esistenziali e nei rapporti interpersonali.

La caratteristica fondamentale che contraddistingue l'intervento di Counseling consiste nel rispetto del consultante e nella natura dialogica e non giudicante del rapporto tra counselor e consultante. Tale relazione d'aiuto favorisce l'emergere delle risorse personali del soggetto incoraggiandone l'autonomia.

Il Counseling identifica una forma di intervento d'aiuto indirizzata a persone che non presentano patologie psichiche o disturbi conseguenti a problemi della personalità, aree proprie dell'intervento psicoterapeutico.