fbpx

La RESILIENZA per affrontare il disagio psicologico generato da una emergenza

Il disagio psicologico causato da un’emergenza produce cicli che durano fino a un anno, che seguono un andamento prevedibile che include una serie di problemi comportamentali devastanti. Certamente il COVID-19 è stata ed è una emergenza globale di proporzioni mai sperimentate in precedenza.

La SAMHSA (Substance Abuse and Mental Health Services Administration) ha identificato 6 fasi caratteristiche dell’emergenza che vengono sperimentati dalla popolazione, e queste possono durare per un periodo di un anno. I problemi comportamentali possono riguardare un picco di abuso di sostanze, ansia, suicidio, depressione, violenza domestica e alti livelli di stress.

 

Le 6 fasi di un’emergenza

Fase 1: Paura e incertezza

Questa è la normale reazione iniziale a qualsiasi minaccia improvvisa. Sappiamo che queste emozioni possono diminuire o aumentare.

Fase 2: Impatto

Questa è la realizzazione più profonda di ciò che è accaduto, emergono una serie di emozioni, tra cui shock, panico, confusione e incredulità. In questo periodo spicca l’istinto di sopravvivenza, l’obiettivo di ogni individuo è proteggere la famiglia e i propri cari. Questa è tipicamente una delle fasi più brevi.

Fase 3: Eroe

È una fase di unione, si mettono in atto piani per aiutare gli altri.

Fase 4: Luna di miele

In questa fase, c’è la convinzione che le cose torneranno alla normalità, e c’è un senso di ottimismo e lo sguardo è rivolto al futuro. Questo è un momento in cui si creano dei legami e ci si mette in contatto al fine di aiutare.

Fase 5: Disillusione

La disillusione si verifica quando le aspettative non sono soddisfatte. Forse l’emergenza dura più a lungo del previsto, o la stanchezza e la lotta si trasformano in rabbia, esasperazione e frustrazione. Questa può essere una delle fasi più lunghe. La sua durata può aumentare dall’innesco di eventi, come un altro picco nei casi di COVID-19.

La richiesta di servizi può non essere disponibile e l’incapacità di farvi fronte, insieme a sentimenti di disperazione, possono produrre un picco di problemi comportamentali che possono sopraffare il sistema sanitario, che può già essere affaticato ed esausto.

Fase 6: Ricostruzione

Dopo aver raggiunto il punto più basso, comincia la ricostruzione, il periodo di recupero. È anche un periodo di lavoro attraverso il dolore sperimentato, tutto ciò mentre si inizia a percepire una sensazione di normalità.

Preparazione alla disillusione e oltre

C’è ancora un alto livello di incertezza che circonda il COVID-19 e molte preoccupazioni potrebbero persistere anche dopo la produzione di un vaccino. È possibile che dovremo prepararci alla fase di disillusione e di perdita di speranza. Questa fase potrebbe travolgere i servizi sociali, qualora ci sia un altro picco con conseguenti nuovi lockdown e altre regolamentazioni restrittive.

Se ciò dovesse accadere, ci potrebbe essere un aumento dei problemi psicologici menzionati in precedenza: abuso di sostanze, ansia, tendenze suicidarie, sintomi depressivi, violenza domestica e alti livelli di stress. Tutto ciò si diffonderebbe con un impatto sulle comunità e sui centri di cura difficili da immaginare, figuriamoci da curare. Ecco perché abbiamo bisogno di avere strumenti di resilienza.

 

Essere resilienti

I ricercatori che hanno condotto uno studio sul ruolo di mediazione della resilienza hanno scoperto che gli individui consapevoli sono meno inclini a concentrarsi sulla negatività e sul fallimento. Poiché non sono bloccati sul passato, sembrano essere più propensi ad andare avanti, oltre ad avere una maggiore soddisfazione della propria vita. Inoltre, la consapevolezza aiuta le emozioni tranquille, il che è fondamentale per chiunque e permette di accedere alla parte esecutiva e decisionale del cervello.

 

I 4 fattori chiave della resilienza

1: Calma per la regolazione emotiva

Quando siamo immersi nella negatività, il sistema emotivo si attiva innescando gli ormoni dello stress in uno stato di iper-allerta e reattività. Questo non è uno stato in cui poter pensare chiaramente a tutte le opzioni. Infatti, è necessario domare l’amigdala, l’antico sistema di allarme antistress per mettere in linea il cervello pensante ed esecutivo. Alcuni degli strumenti di resilienza veloce includono pratiche di messa a terra fisica, pratiche di respirazione e strumenti per calibrare e gestire le proprie emozioni.

2: Chiarezza mentale per la soluzione dei problemi

La corteccia frontale è l’area che analizza ed effettua le decisioni esecutive, perché funzioni correttamente è necessario mangiare correttamente, dormire non meno di 6 ore al giorno e mantenere il sistema nervoso rilassato. La resilienza richiede flessibilità di pensiero, se si è bloccati in vecchi schemi e mentalità, è difficile diventare creativi. Ecco perché è necessario sintonizzare in modo ottimale il cervello per pensare in modo chiaro e risolvere i problemi.

3: Ottimizzare energia, motivazione e speranza

Anche se aveste le più grandi capacità di risoluzione dei problemi del pianeta, a cosa servirebbero se non poteste alzarvi dal divano per metterli in azione? Ecco perché questo fattore di resilienza è così critico per il successo. L’ottimismo è progettato per darvi l’energia, l’entusiasmo, la determinazione e l’atteggiamento positivo per andare avanti. Le abilità in questa categoria includono cose come l’identificazione delle proprie forze innate, lo sgombero del disordine emotivo e l’apprezzamento del bicchiere mezzo pieno,

4: Felicità nel trovare la gioia e nel costruire le connessioni

Anche se il disastro potrebbe temporaneamente tenerci lontani dai nostri obiettivi, dobbiamo trovare la felicità come un giubbotto di salvataggio che ci solleva e ci tiene impegnati e pieni di speranza. La gioia è quella sensazione di essere vivi che si può trovare in questo momento, anche in mezzo a condizioni difficili. Collegandoci con gli altri, possiamo condividere storie e trovare la speranza reciproca. Ecco perché, quando si considerano le capacità di felicità, pratiche di gratitudine amore e gentilezza verso gli altri sono utili. In questo modo, vi sentite nutriti e sostenuti in modi che aumentano la vostra resilienza e vi vaccinano contro la perdita della speranza.

 

Pratica di potenziamento della resilienza in due minuti

Parte 1: Fate un bel respiro lungo ed espirate lentamente. Sentite tutta la vostra tensione, o anche una sola preoccupazione, lasciando il corpo mentre vi lasciate andare. Questo porterà un senso di calma e di chiarezza. Se volete veramente gioire, fate un secondo respiro!

Parte 2: Pensate a una cosa che avete fatto che ha aiutato qualcun altro, a un risultato che vi ha fatto sentire orgogliosi, a un momento in cui avete fatto sorridere qualcuno o vi siete sentiti legati a un altro. Questo aumenterà la sensazione di ottimismo.

Parte 3: Guardando la natura lasciatevi assorbire dalla bellezza che avete davanti ai vostri occhi. Oppure, riflettete su una risorsa utile o su una connessione significativa nella vostra vita, anche pianificando di contattare quella persona oggi. Questo porterà felicità e speranza.

 

Autore: Donald Altman

Fonte: PsychologyToday.com